Più Valore per il Cliente Divisione di ARconsulting e Partners S.r.l.

Guida ai Progetti

» Perché una Guida ai Progetti
» Come Definire il Progetto
» Come Scegliere il Partner
» Come Scegliere il Prodotto
» Cosa Verificare nei Contratti
» Come Controllare i Costi
» Quante Risorse Interne?
» Orientarsi tra tante Opzioni

Come Controllare i Costi

Guida ai Progetti - Foto 31

Ci sono molti aspetti relativi ai costi di un Progetto gestionale informatico da valutare. E' comunque molto difficile comparare fra diverse soluzioni alternative, perché gli elementi cruciali sono basati su aspetti qualitativi più che quantitativi.

A titolo di esempio, valutiamo assieme alcune situazioni:

• Costo delle Licenze del Software. Ci sono decine di concorrenti che offrono soluzioni apparentemente simili nell'area gestionale (es. nell'ERP, Enterprise Resource Planning). Pochissimi di questi Produttori operano a livello globale. La maggioranza opera a livello locale.
E' intuitivo che Prodotti studiati per coprire esigenze a livello globale devono essere molto ricchi di funzionalità per la grande varietà di Clienti che devono servire. Questi Prodotti globali sono e saranno il frutto di stimoli provenienti da un gran numero di Clienti in tutto il mondo, sia nel passato che nel futuro. I Prodotti globali devono sostenere gli standard più avanzati nei vari settori nei quali si propongono. Gli investimenti di sviluppo devono essere commisurati a queste necessità.
I Prodotti locali sono dimensionati su un mercato molto più piccolo. A livello di Prodotti informatici per la gestione, l'Italia rappresenta una frazione del mercato mondiale. Anche se i Prodotti locali hanno il vantaggio di essere stati studiati appositamente per il mercato Italiano, va accuratamente valutata la ricchezza delle funzionalità base offerte, la tecnologia utilizzata e il trend di sviluppo seguito negli ultimi anni.

• Tariffe della consulenza. In un regime di concorrenza, le tariffe tendono ad allinearsi per professionalità simili. Se le tariffe sono significativamente diverse, a meno di situazioni di aziende di consulenza con costi fissi elevati, è quasi certo che ci sono differenze di qualità che bisogna capire. Il nodo della questione è come comparare il livello professionale di consulenti diversi. Non è facile, ma ci permettiamo di offrire alcuni suggerimenti:

  • Qual è l'esperienza del Consulente con il Prodotto?
  • Qual è il livello di preparazione accademica e di certificazioni del Consulente?
  • Come si confrontano i diversi Consulenti visti a livello professionale, prescindendo da fattori emotivi, come la simpatia, etc.?
  • Come si confrontano i primi esempi di proposte scritte ricevute?
  • Abbiamo a che fare con un Consulente d'azienda o con un esperto di software? Questa differenza può essere critica.
  • Il Consulente è un dipendente del fornitore o un "free lance"? Nel primo caso c'è la certezza di un professionista che è continuamente aggiornato, e quindi molto efficace nella realizzazione.

Inoltre c'è una regola molto semplice che può essere di grande aiuto nella valutazione. Dato che la disponibilità di Consulenza di qualità non si può dilatare a piacere, normalmente l'azienda di consulenza meno disposta a scontare le tariffe è quella più ricca di commesse. E se è più ricca di commesse a tariffe piene è perché i Clienti hanno riscontrato che ha una produttività molto elevata. Noi riteniamo che fra un consulente di qualità professionale elevata ed uno sulla media di mercato la differenza di produttività può essere anche del 50%, se non addirittura maggiore.

• I veri costi di un Progetto. Sulla base della nostra esperienza, il modo per contenere i costi "veri" di un Progetto non è basato sul controllo dei prezzi unitari o sulle tariffe, ma sulla qualità delle metodologie adottate dal partner consulente in tutti i punti cruciali del Progetto stesso e la capacità dell'azienda Cliente di accettare queste metodologie. I pilastri di queste metodologie sono sette: a) definizione di obiettivi chiari ed allineati in azienda, se necessario con l'aiuto del partner consulente; b) analisi precisa dei requisiti funzionali richiesti, delle aree da coprire con il Progetto e di quelle escluse, per lo meno nella prima fase; c) disegno analitico dei processi dell'impresa, sia quelli nuovi che quelli correnti da mantenere; d) gestione accurata del Progetto ("Project Management") in ogni fase del suo avanzamento; e) creazione da parte dell'azienda Cliente di un team d'implementazione con chiare responsabilità di Progetto; f) focus sulle aree prioritarie e gestione di aspetti minori in momenti successivi; g) gestione del cambiamento. Ci sono anche altri aspetti, ma i precedenti sono quelli più importanti sul controllo dei costi. Senza di essi, i Progetti corrono seri rischi di sforare i budget.

Copyright © ARconsulting e Partners S.r.l.
Termini d'uso
Privacy
Mappa
Home